Coronavirus: quali mascherine comprare senza farsi spennare?

| |

La diffusione del coronavirus in Europa non è arrivata ai livelli della Cina, dove in alcune province hanno obbligato la popolazione a indossare le mascherine chirurgiche in pubblico. Tuttavia sta diventando una questione delicata, per cui è bene essere informati correttamente.

Come già scritto nell’articolo “Cosa dicono gli esperti in merito alle maschere contro il coronavirus“, l’obbligo delle mascherine chirurgiche ha l’obiettivo di rallentare il contagio, poiché limitano che la saliva del potenziale malato, si disperda nell’aria non solo tramite tosse e starnuti.

Perciò indossare la mascherina chirurgica è una misura per evitare di infettare le altre persone e non per evitare di essere infettati (anche se bisogna dire che offre una minima protezione rispetto al non indossarla).

I prezzi delle mascherine

Nonostante questa premessa, molte persone si sono fatte prendere dall’isteria e hanno comprato compulsivamente sia le mascherine chirurgiche (quelle usate per evitare di infettare gli altri), sia i filtranti respiratori, ovvero le mascherine FFP2 ed FFP3 utilizzate dagli operatori sanitari insieme ad altri dispositivi di protezione individuale (occhiali protettivi, camice impermeabile a maniche lunghe e guanti), per evitare di essere contagiati dai pazienti infetti.

Questa corsa all’acquisto, non solo ha fatto schizzare i prezzi alle stelle, ma ha addirittura creato una vera e propria penuria di mascherine nel mercato. Perciò oggi è difficile trovare in commercio, a prezzi ragionevoli, sia le mascherine chirurgiche, sia i filtranti respiratori FFP2 ed FFP3.

Per fare un confronto, le mascherine chirurgiche venivano vendute a 0,20€ al pezzo, mentre oggi il loro prezzo arriva a toccare 1,58€ per mascherina.

Prima del coronavirus, i filtranti respiratori FFP3 venivano venduti a 4,90€ la coppia nel sito di LeroyMerlin. Oggi si trovano in vendita online anche a 20/30€ al pezzo.

Prezzo mascherina FFP3 prima del coronavirus
Prezzo mascherina FFP3 prima del coronavirus

Quali mascherine per il coronavirus comprare?

Oggi potrebbe essere sensato comprare delle mascherine chirurgiche che potrebbero diventare obbligatorie in determinati luoghi pubblici. Per esempio a Codogno le persone per entrare nel supermercato devono indossare la mascherina.

Perciò quali mascherine puoi comprare senza farti spennare?

Mascherine idrorepellenti disponibilità immediata

Mascherine idrorepellenti, lavabili e riutilizzabili – Prodotte in Italia

Questa mascherine sono realizzate con due tessuti. Tessuto esterno in cotone in tinta unita o con fantasie (anche colorabili per i bambini) e tessuto interno idrorepellente.

Sono prodotte a Castelfranco Veneto in provincia di Treviso, non solo hanno disponibilità immediata, ma vengono spedite in tempi celeri in tutta Italia con corriere espresso BRT.

Sono disponibili da uomo, donna e bambino.


Mascherine idrorepellenti riutilizzabili disponibili subito

Mascherine riutilizzabili idrorepellenti – Prodotte in Italia

Queste mascherine sono prodotte ad Altivole in provincia di Treviso. Sono realizzate con membrana idrorepellente traspirante.

Vengono vendute in confezioni da 10 mascherine

Un’altra alternativa a queste mascherine, è quella di farsela in casa. Per scoprire come produrtela, guarda il video nell’articolo Come costruire una mascherina fai-da-te per il coronavirus?

Ricorda che queste mascherine vengono utilizzate principalmente per non infettare le altre persone. Per non essere infettati, ogni volta che visiti un luogo pubblico dovresti indossare:

  • mascherina filtrante FFP3,
  • occhiali protettivi,
  • guanti,
  • tutina impermeabile,
  • copriscarpe.

Non credo tu abbia la voglia di vestirti come un detective di CSI nella scena del crimine ogni volta che devi uscire di casa. Quindi segui i consigli forniti dall’istituto superiore della sanità per evitare il diffondersi del contagio e dell’isteria.

Previous

Come costruire una mascherina fai-da-te per il coronavirus?

Pochi medici, tanti ricoveri ed errori da evitare con il coronavirus

Next

Lascia un commento