Da Roma a Miami: Valentino Longo il bartender più fantasioso del Nord America

| |

Chi è Valentino Longo

Valentino Longo classe 1988 di Roma ha iniziato la sua carriera da bartender nel 2009, «prendendo i primi schiaffi all’Hotel de Russie» (leggi l’intervista del 2015 su Zero). I suoi primi cocktail li serviva di “sottobanco” ai membri dello staff, il suo primo in assoluto il Castro Street (guarda la ricetta). Dopodiché da semplice lavabicchieri ha guadagnato ufficialmente il banco e dai tanti odiati spritz si è spostato oltremanica per migliorare professionalmente, dalla lingua (inglese) alle capacità di barista.

Il ritorno in Italia non è stato facile, ma grazie a tanta pazienza e alle persone giuste, non solo ha collaborato al progetto la “Moderna” a Roma, ma è riuscito a costruirne una anche a Miami (leggi l’intervista del 2015 Valentino Longo e la sua America).

Il Barista più Fantasioso del Nord America

Oggi (anzi ieri N.d.A.) Valentino Longo è stato incoronato “Most Imaginative Bartender” (barista più fantasioso) del Nord America nel corso del 13° Concorso annuale organizzato BOMBAY SAPPHIRE® gin, in collaborazione con la Tales of the Cocktail Foundation.

I 12 finalisti, selezionati nell’ultimo anno da oltre 30 città nordamericane, hanno affrontato una finale durata una settimana che prevedeva tre sfide. Alla fine Valentino Longo è stato premiato barista più fantasioso del Nord America con la sua innovativa ricetta del cocktail “The Decisive Moment” e l’idea del progetto Shoshin.

Valentino Longo impegnato nella finale
Valentino Longo impegnato nella finale

«Per 13 anni, il MIB ha posto l’accento sulla creatività e l’innovazione nel settore dei cocktail. L’ingegnosità di Longo dimostra quello che ho sempre detto: i baristi sono tra le persone più creative. L’idea del suo progetto Shoshin andando oltre il concetto di cocktail e il processo creativo dietro il bancone per la creazione di “The Decisive Moment” è stato a dir poco sbalorditivo» ha detto Ryan Wainwright, ambasciatore del marchio Bombay Sapphire.

Il concorso

Per la prima volta nella storia del concorso, Bombay Sapphire ha messo in palio un premio di 25.000 dollari e un tutoraggio per il progetto del vincitore. Con questo premio, Bombay Sapphire vuole sostenere e promuovere la creatività innata dei baristi per dar loro la possibilità di esprimersi al meglio dietro e oltre il bancone.

«Mentre la popolarità del gin continua a crescere, siamo entusiasti di continuare a spingere questa crescita attraverso iniziative come il nostro concorso Most Imaginative Bartender, che ha sempre cercato di far emergere le infinite possibilità che Bombay può portare alla preparazione di cocktail. Questa competizione è stata progettata per essere una tela per i talenti più brillanti del Paese, e ora, oltre alle famose sfide di cocktail, stiamo spingendo i confini della creatività ancora più in là – oltre il bicchiere, anche oltre il bar – attraverso l’introduzione della nostra nuova sfida Creative Grant», ha dichiarato Tom Spaven, North America Brand Director di BOMBAY SAPPHIRE® gin.

La finale si è tenuta a Chicago, la città natale del vincitore del MIB dello scorso anno, Carley Gaskin. La giuria comprendeva Carley Gaskin, l’artista Hebru Brantley, l’imprenditore Ryan Wilson e la migliore “mixologa” Lynnette Marrero, che ha assistito alle tre sfide di ogni finalista.

Prima di Chicago, i dodici finalisti (undici dagli Stati Uniti e uno dal Canada) hanno visitato la Laverstoke Distillery di BOMBAY SAPPHIRE nell’Hampshire, in Inghilterra, per un’immersione nel mondo del gin e per essere informati sul nuovo componente di quest’anno del Creative Grant.

Il progetto e il cocktail vincenti

The Decisive Moment
The Decisive Moment

«Ciò che mi ha ispirato a creare il concetto di Shoshin è l’idea che il barista sia molto più di un mero preparatore di cocktail, è uno stato d’animo e una filosofia di vita. Abbiamo bisogno di un luogo fisico dove le persone possano capire che il barista può essere una delle migliori industrie del mondo» ha detto Longo.

The Decisive Moment

1,50 Oz Bombay Sapphire Gin

0,75 Oz Bergamotto fortificato

1,25 Oz Sherry Lactic Blend

Guarnizione: 2 gocce di olio di cocco, 2 gocce di caffè balsamico

Previous

Pangolino: l’ospite intermedio nella diffusione del nuovo coronavirus?

Cosa sappiamo e cosa non sappiamo del nuovo coronavirus?

Next

Un commento su “Da Roma a Miami: Valentino Longo il bartender più fantasioso del Nord America”

Lascia un commento