La mascherina high-tech di LG

| |

Con il perpetrarsi della pandemia da COVID-19 e con, allo stato attuale, nessuna contromisura realmente efficace per contrastarla, saranno le Big Tech companies a salvarci?

Ormai in quasi tutto il mondo le persone stanno indossando le mascherine, da quelle chirurgiche monouso a quelle riutilizzabili fatte in casa e sembra inevitabile la futura diffusione delle mascherine high-tech, così, per mantenere fede alla rivoluzione della “tecnologia indossabile”.

La grande azienda tecnologica LG è stata la prima a portare avanti la rivoluzione delle mascherine high-tech, tanto da aver annunciato che presenterà durante l’IFA 2020 la mascherina “LG PuriCare Wearable Air Purifier”: una mascherina alimentata a batteria che “fornirà aria fresca e pulita all’interno e all’esterno”.

Vista frontale mascherina high-tech LG PuriCare Wearable Air Purifier
Vista frontale mascherina high-tech LG PuriCare Wearable Air Purifier

Dotato di due filtri H13 HEPA e di due ventole, questa mascherina è una sorta di purificatore d’aria indossabile che grazie a un “sensore respiratorio brevettato” rileva “il ciclo e il volume del respiro di chi lo indossa e regola di conseguenza le due ventole a tre velocità”. Sostanzialmente le ventole si sincronizzeranno automaticamente con il respiro della persona che indossa la LG PuriCare Wearable Air Purifier per garantire (secondo quanto dice LG) una “respirazione più facile”.

Filtri mascherina high-tech LG PuriCare Wearable Air Purifier
Filtri mascherina high-tech LG PuriCare Wearable Air Purifier

Nel comunicato stampa di LG, viene affermato che il design della mascherina è stato studiato per aderire perfettamente al volto, per ridurre al minimo le perdite di aria nel naso e nel mento (probabilmente non è una mascherina adatta a chi ha qualche millimetro di barba o baffi) e per garantire il massimo comfort anche indossandola parecchie ore.

La batteria che fa funzionare le ventole è da 820 mAh e garantisce 8 ore di utilizzo nella modalità Low e 2 ore nella modalità High.

Durante la fase di ricarica delle batterie, la mascherina viene disinfettata dalle luci LED-UV del case, che inoltre avvertirà l’app mobile LG ThinQ mobile se i filtri sono da sostituire.

Vedendo le foto ufficiali (palesemente photoshoppate) e il leggendo il comunicato stampa, sorgono molti dubbi sulla reale utilità di questa mascherina.

Primo su tutti: il comfort. La mascherina sembra molto grande e di conseguenza abbastanza pesante. Non viene specificato il peso, ma facendo una rapida stima, dico che non potrà pesare meno di 100 grammi (un paio di occhiali da vista pesano circa 20/30 grammi). Penso sia molto scomodo indossare per più di un paio d’ore una mascherina di questo tipo.

In secondo luogo, nel comunicato stampa non si parla di coronavirus, ma solo di un purificatore d’aria e di germi uccisi dalle luci LED-UV del case. Quindi potrebbe filtrare le polveri sottili sa in entrata, sia in uscita, ma grazie alle ventole, potrebbe essere un gran diffusore di virus nel caso in cui venga indossata da una persona infetta.

In buona sostanza, aspettiamo di vedere la presentazione ufficiale e di capire la reale utilità di questa mascherina ideata da LG.

Previous

Il menu con QR code

Lascia un commento