Si può correre a piedi o in bici dopo l’estensione della zona rossa in tutta Italia?

| |

Molti ciclisti e molti runners si stanno chiedendo se possono uscire di casa e iniziare a correre a piedi oppure in bici, dopo l’entrata in vigore del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020 (il drecreto #iorestoacasa), che estende la zona rossa in tutta Italia dal 10 marzo 2020 fino al 3 aprile 2020.

Leggendo l’articolo 1, lettera D del DPCM viene evidenziato che:

” lo sport e le attività motorie svolti all’aperto sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della distanza interpersonale di un metro”

Questo significa che sì, è possibile andare a correre o fare l’uscita in bici all’aria aperta, a patto che lo si faccia mantenendo le distanze di sicurezza (anche se è di gran lunga meglio uscire in solitaria per evitare interpretazioni errate da parte delle FF.OO) e non si utilizzi l’auto per raggiungere il punto di partenza.

Perciò i runner possono infilarsi maglia, pantaloncini e scarpe, uscire di casa e iniziare a correre, mentre i ciclisti possono indossare casco, maglia, pantaloncini e scarpe, uscire di casa e salire in sella alla loro amata due ruote.

In questo periodo ciclisti e podisti potranno riscoprire il territorio vicino casa.

Previous

Trump approva il piano da 8,3 miliardi di dollari per combattere il coronavirus

Dove trovare mascherine chirurgiche con disponibilità immediata?

Next

Lascia un commento